CANTINA DEL MESE: ELENA WALCH

Esperti, appassionati e curiosi!

Mercoledì 29 marzo 2017, alle 20.30, saremo lieti di presentare la cantina Elena Walch, di Termeno (BZ), già da tempo presente nella nostra carta dei vini e contraddistinta per l’eleganza e tipicità dei prodotti.

Quinta generazione per questa cantina, con tradizione di centocinquant’anni e conduzione familiare quasi tutta al femminile. Fiore all’occhiello della viticoltura dell’Alto Adige, attenta ad essere al passo con l’innovazione delle tecniche, l’azienda vuole comunque mantenere uno stretto legame col territorio secondo i principi della sostenibilità e della tipicità dei singoli vitigni del luogo. In totali 60 ettari suddivisi in due vigneti principali che sono Castel Ringberg a Caldaro e Vigna Kastelapiattz a Tramin. Le caratteristiche dei territori danno vita a bianchi freschi e profumati, ma anche a rossi morbidi e decisi.

La serata sarà presenziata da una responsabile della cantina che avrà il piacere di spiegare la filosofia aziendale e guidare la degustazione lasciando interagire i presenti con opinioni e considerazioni.

I vini saranno accompagnati da piatti provenienti da LAVINERIA dove, per un mese, le proposte al calice comprenderanno tutti i vini della serata.

Selezione dei vini per la degustazione

  • Bronner
  • Pinot bianco
  • Chardonnay Il cardellino
  • Pinot nero Ludwing
  • Grande cuvée Kermesse rosso

16 ospiti, costo 35 €
Siamo certi che la serata sarà di vostro gradimento! Vi aspettiamo!

Prenotazioni: ristorante tel. 059 645248 o mail: ristorante@il25.it oppure info@il25.it

LAVINERIA tel: 059 640817

Per saperne di più su ELENA WALCH

IL MIO TOUR DE FRANCE 28/2/2017

Martedì 28 febbraio 2017
ore 20,15

presso la Cantina de IL 25, Via San Francesco, Carpi

Degustazione dedicata alla Francia meno nota

di Francesco Falcone

Gianni Mura dice che il “Tour” è quintessenza di Francia, come la Baguette, la voce di Édith Piaf, le Gauloises senza filtro e il Pastis. Ed io, si parva licet, ci metterei pure il vino. Vino non per forza costoso, perché la produzione francese non si esaurisce nelle denominazioni e nelle etichette più celebri ed elitarie, che stavolta lasceremo ai margini del nostro racconto. Per il mio secondo laboratorio carpigiano ho infatti pensato a un viaggio senza meta che mette insieme territori e vignaioli outsider di Loira e Sud-Ovest, Jura e Roussillon, Provenza e Rodano, Corsica e Languedoc. Senza dimenticare l’Aube, nuova frontiera dello Champagne di terroir. In degustazione, un numero notevolissimo di vini di valore, originati, come detto, in zone meno note ai bevitori italiani.

La quota di partecipazione è di 65 euro, inclusa la cena preparata dallo Chef Pierluigi Vanzolini.
L’ospitalità è di Salvatore Cervasio.

Ultimi posti: fra.falcone2003@libero.it;
348.7418222.

APERITIVO CON…

2 METODO CLASSICO BLANC DE BLANCS ITALIANI

I VINI IN DEGUSTAZIONE

Piollot Père & Fils
Champagne Blanc de Blancs Colas Robin “Pinot Blanc de sèlection massale” 2013

Domaine Frantz Saumon
Montlouis-sur-Loire “Mineral +” 2015

Domaine des Roches Neuves- Thierry Germain
Saumur Blanc L’Insolite 2015

Clos Naudin – Philippe Foreau
Vouvray Moelleux 2015

Maison Arretxea – T. et M. Riouspeyrous
Irouléguy Hegoxuri 2014

Domaine du Paternel
Cassis 2013

Domaine Gauby
Côtes Catalanes Blanc Vielles Vignes 2013

Clos Lapeyre – Jean Bernard Larrieu
Jurançon Sec Vitatge Vielh 2012

Château Simone
Palette Blanc 2012

Domaine Pierre Luneau Papin
Muscadet Sèvre et Maine Clos des Noëlles 2010

Jean Foillard
Morgon 2015

Domaine de la Borde – Julien Mareschal
Arbois Pupillin “Poulsard” Côte de Feule 2015

Nicolas Carmarans
Aveyron Fer de Sang 2015

Clos Bagatelle
Saint-Chinian 2015

Domaine Tempier
Bandol 2014

Château de Gourgazaud
Minervois la Livinière Réserve 2013

Catherine & Pierre Breton
Chinon Beaumont 2013

Domaine Les Pallières
Gigondas Les Racines 2013

La grande degustazione di fine anno

Carpi, 6 dicembre 2016, h 20.30 

Disciplina e interpretazione di Francesco Falcone con Thomas Rossi

“A chi sa rompere le regole, al momento giusto”.

“Alle donne e agli uomini borderline, perché capaci di rendere imprevedibile il racconto”.  

“Alle fragilità, nelle cui pieghe c’è la ragione di chi ci ama”.

 “Alla gioia delle piccole cose, senza le quali non ci sarebbero le emozioni, né i colori, né il vino”.

“Io sono convinto che “fare è pensare”, non viceversa. Solo mettendoci le mani, solo impastandosi di materia si riesce a esplorare l’essenza delle cose. La conoscenza del vino non può essere frutto di riflessioni lontane dai territori d’origine e dalle microstorie di cui vengono quotidianamente animati. Non si può scrivere o parlare di una bottiglia con vera consapevolezza senza aver mai stretto la mano a chi quel vino l’ha pensato e creato, nel luogo in cui è stato concepito. Io credo sia così. Credo anche che un assaggiatore debba assaggiare tanto. Spesso mi si rimprovera di far degustare troppi vini, ma io credo che un assaggiatore si esprima solo assaggiando. Quando vado a cena, e sono in assoluto relax, porto a tavola almeno sette, otto bottiglie da testare insieme a chi mi accompagna, all’oste, al sommelier, ai camerieri: non lo faccio per manie compulsive o per esigenze compilative, lo faccio perché io sono un assaggiatore e mi esprimo solo assaggiando. Non so fare nient’altro nella vita. Certo, occorre saper assaggiare: bisogna avere un occhio trasversale e un cuore grande per superare ciò che, a prima vista, sembra uguale, ma è con quest’occhio e con questo cuore che tutto, piano piano, diviene interessante, unico. E invece un degustatore senza occhio e senza cuore, ma solo con un naso e un palato, dovrebbe semplicemente cambiare mestiere”.

In degustazione 22 grandi vini serviti alla cieca. Orizzontali, verticali e “diagonali”. 

Saranno prese in rassegna tutte le tipologie. Come se non ci fosse un domani (ma un domani ci sarà, dunque meglio sputare qualcosa.

Convocazione della squadra dei degustatori alle ore 20.15 presso la Cantina del Ristorante IL 25, Via San Francesco, Carpi.

Unico tavolo imperiale per 20 degustatori.

Cena a cura di Pierluigi Vanzolini.

Ospitalità di Salvatore Cervasio.

 

Quota di partecipazione: 80 euro da versare prima dell’inizio dei lavori.

Per riservare: fra.falcone2003@libero.it; 348.7418222.

Degustazione… come se non ci fosse un domani

2 AGOSTO 2016 ore 20.30

Il linguaggio e il ritmo della degustazione professionale attraverso una devastante batteria di grandi vini. Una selezione mai vista, come se non ci fosse un domani. Tutti i vini saranno serviti alla cieca. Solo per un tavolo di 22 degustatori. La quota di partecipazione rappresenta un parziale rimborso spese. È l’ultima tappa prima della pausa estiva.

PER COMINCIARE

Ulysse Collin Champagne Blanc de Blancs Extra Brut Les Roises s.a.

Michel Furdyna Champagne La Loge Brut 2006

PER RICOMINCIARE

Krug Champagne Vintage Brut 1990

Philipponnat Champagne Clos des Goisses Brut 1988

SESSIONE GRANDI BIANCHI

Jean-Paul & Benoit Droin Chablis Grand Cru Valmur 2014

Domaine Leflaive Bourgogne Blanc 2013

I Clivi Friuli Colli Orientali Clivi Galea 2013

Bonneau du Martray Corton-Charlemagne Grand Cru 2012

Prager Wachau Wachstum Bodenstein Riesling Smaragd 2011

Montenidoli Vernaccia di San Gimignano 2010

Valentini Trebbiano d’Abruzzo 2010

Weingut Helmut Hexamer Nahe Meddersheimer Rheingrafenberg Riesling Spätlese* 2007

Planeta Chardonnay 1997

Coteaux du Layon Moulin Touchais 1996

Verwaltung der Staatsweingüter Rheingau Rüdesheimer Berg Rottland Riesling Spätlese 1971

Weingut Josef Silchbach Rheingau Landpfechter Brunnen Auslese 1970

SESSIONE GRANDI ROSSI

Jean-Marc Millot Clos de Vougeot <> Grand Cru 2014

Jean Foillard Morgon Côte du Py 2013

Le Boncie Le Trame 2013

Poderi Aldo Conterno Barolo Bussia Vigna Colonnello 2011

Biondi Santi Brunello di Montalcino 2007

M.Sorrel Hermitage Le Gréal 2007

Château Palmer Margaux 2002

Salustri Montecucco Sangiovese Grotte Rosse 2001

Tenuta di San Leonardo San Leonardo 1999

Conterno Fantino Barolo Vigna del Gris 1997

Quinta do Noval Porto Vintage Silval 1997

AR.PE.PE Valtellina Superiore Sassella Rocce Rosse Riserva 1996

Louis Remy Clos de la Roche Grand Cru 1996

Isole e Olena Collezione De Marchi Cabernet Sauvignon 1988

PER MEDITARE

Marco De Bartoli Marsala Vergine Riserva 1988

Château Mossé Rivesaltes 1932

Hidalgo Sherry Amontillado Viejo Solera 1874

BUFFET GASTRONOMICO A CURA DI PIERLUIGI VANZOLINI

SERVIZIO E OSPITALITÀ DI SALVATORE CERVASIO

Quota di partecipazione: 140 euro

Per riservare un posto: fra.falcone2003@libero.it

DEGUSTAZIONE… BORGOGNA IN CHIAROSCURO

pommard_ristorante_il_25

Martedì 12 luglio 2016
RISTORANTE IL 25, ore 20.30

POMMARD, RACCONTO MONOGRAFICO di Francesco Falcone

“Saper guardare il disegno misterioso di un grande Borgogna è indispensabile per ammirare le stranezze là fuori, gli alberi aitanti, monumentali, le viti storte e minuscole, il cielo grigio da tempesta, il terreno opaco di minerali. In tal senso, Pommard è un vino emblematico, è il Pinot Nero più controverso, è la Borgogna da cui cominciare”. Francesco Falcone

Tre degustazione in una:

DEGUSTAZIONE ORIZZONTALE DEI GRANDI POMMARD IMPORTATI IN ITALIA (la selezione raccoglie il meglio del meglio della denominazione).

DEGUSTAZIONE VERTICALE DEL POMMARD COMBE DESSUS DI MARQUIS D’ANGERVILLE

Millesimi: 2009/2008/2007/2006

GRANDE DEGUSTAZIONE VERTICALE DEL POMMARD PREMIER CRU CLOS DES EPENOTS DOMAINE DE COURCEL

Millesimi 2013-2011-2007-2006-2003-2004-2001-1999

Davvero un’occasione straordinaria per conoscere il “Finage” di Pommard.

BUFFET GASTRONOMICO a cura di Pierluigi Vanzolini

SERVIZIO E OSPITALITÀ di Salvatore Cervasio

Quota di partecipazione: 90 euro (di fatto solo un rimborso spese)

Per riservare un posto: fra.falcone2003@libero.it

348.7418222